ELENCO PREMI ESTRATTI

BINDA FOR CHILDREN per AMICI DEI I BAMBINI E DELLE MAMME DI MAKOUA: ecco cosa abbiamo potuto fare in terra d’Africa in 7 anni di cooperazione! 

La collaborazione virtuosa costruita tra BINDA FOR CHILDREN e ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI E DELLE MAMME DI MAKOUA ONLUS, ha permesso, nel corso degli ultimi anni, di realizzare numerose attività, legate in particolare al tema della salute, a favore dei bambini che la ONLUS accompagna in diversi Centri orfanotrofi della città di Brazzaville, nella Repubblica del Congo.

Attualmente, i progetti avviati sono 3: l’Ambulatorio dei bambini, il progetto a sostegno dei bambini malnutriti e il progetto Artemisia. Uno è invece in fase di elaborazione: il progetto Canapa.

Eccoli, di seguito, nel dettaglio.

L’AMBULATORIO DEI BAMBINI: dall’inizio dell’esperienza è stato possibile seguire, sul piano medico-sanitario, più di 500 bambini ospiti dei Centri Orfanotrofi di Brazzaville sostenuti dall’Associazione. Grazie al contributo costante dei BINDA FOR CHILDREN, i bambini hanno potuto ricevere le cure di base da parte del medico, avere una scheda sanitaria personale progressiva, essere accompagnati, quando opportuno, in ospedale per controlli specialistici o interventi e, nel corso dell’ultimo anno, anche ricevere la visita del dottore direttamente al domicilio. Aspetto, quest’ultimo, che rappresenta una novità nel panorama sanitario locale e permette una continua supervisione in loco degli aspetti legati a pulizia e igiene personale e degli spazi e una consulenza permanente ai responsabili dei Centri in tema di salute. Tutto ciò ha permesso di diminuire il numero inopinato di ricoveri, sta garantendo un controllo costante per il benessere e la crescita dei bambini e costituisce un’occasione educativa continua per gli adulti che ne sono responsabili. E le idee di sviluppo e miglioramento delle attività non mancano certo: dai momenti di formazione sul primo soccorso e la corretta somministrazione dei farmaci, all’accompagnamento delle ragazze adolescenti sul delicato e fondamentale tema dell’affettività e della sessualità, all’incontro equilibrato tra la medicina moderna e la medicina naturale, con tutti gli indubbi vantaggi che ne derivano. Il lavoro, insomma, ferve e procede spedito per la salute e la vita di tutti i bambini!

IL PROGETTO A SOSTEGNO DEI BAMBINI MALNUTRITI: continua il supporto all’ospedale Makelékélé, che ospita l’unico reparto pediatrico dedicato all’accoglienza e alla cura dei molti bambini affetti da malnutrizione, provenienti dai diversi quartieri della capitale. Ormai da tempo, ci si è impegnati a sostenere le spese necessarie all’acquisto di latte, olio e zucchero necessari alla produzione del composto nutrizionale destinato ai piccoli pazienti, che vengono alimentati regolarmente e più volte al giorno, fino al raggiungimento del peso normale. Lo staff medico-infermieristico del reparto segue i bambini e i loro genitori per l’intera durata della terapia nutrizionale sia durante la degenza ospedaliera sia attraverso momenti periodici di verifica dell’andamento della cura al domicilio (incontri in ospedale per la pesa dei bambini, distribuzione del composto nutrizionale, formazione immediata e facilmente fruibile dalle mamme sull’alimentazione e la crescita dei figli). Pediatra ed infermieri, inoltre, redigono mensilmente un rapporto sintetico e semestralmente una relazione analitica sull’andamento e i risultati delle cure prestate ai bambini, fornendone copia anche all’Associazione. Ad oggi, è stato possibile sostenere centinaia di bambini e la mortalità dei piccoli pazienti è passata, tra il 2008 e il 2016, dall’80% al 2% sul totale dei casi accolti e curati!

IL PROGETTO ARTEMISIA – STOP MALARIA!: come procede l’avventura iniziata un anno fa? Il sogno e la scommessa stanno progressivamente divenendo realtà e la tisana di Artemisia si sta dimostrando essere un’incredibile alleata nella lotta contro la malaria! Ottenuta la semenza necessaria ad iniziare la coltivazione della pianta officinale, con la consulenza di un agronomo e sotto la supervisione di un biologo, è cominciata la sperimentazione a Brazzaville. Ad oggi si è potuto dare vita alle prime colture e produzioni di Artemisia Annua A3 e, nonostante le difficoltà incontrate, grazie all’impegno e al lavoro costante nel campo, si è riusciti ad ottenere un prodotto di altissima qualità. A fronte delle analisi farmacologiche svolte in Italia, la tisana ottenuta ha mostrato di contenere ben il 98% di artemisinina, principio attivo base per la cura della malaria! Ma non solo. I primi bambini colpiti da malaria nei Centri seguiti dall’Associazione hanno potuto essere sottoposti alla terapia con Artemisia, sotto stretto controllo medico e gli esami clinici svolti ne hanno decretato la guarigione a fine cura! Il tutto, senza fastidiosi effetti collaterali e praticamente a costo zero! Ora inizia una nuova fase del lavoro: il consolidamento e lo sviluppo della coltivazione della pianta e soprattutto la diffusione della terapia anche agli altri bambini ospiti nei Centri, sempre sotto l’attenta supervisione del dottore. E la ‘scommessa’ per il benessere dei bambini continua…senza sosta!

IL PROGETTO CANAPA: UN SEME PER IL DOMANI: è un progetto attualmente in fase di elaborazione, che nasce a partire dalla collaborazione stretta con l’Università del Piemonte Orientale, in occasione delle analisi compiute sulla tisana di Artemisia. E’ infatti grazie ai rapporti intessuti con il Dipartimento di Scienze del Farmaco di Novara prima, e ai numerosi incontri avuti con Assocanapa di Carmagnola poi, che si è potuto cominciare a conoscere, studiare e approfondire le grandi qualità della canapa in campo alimentare. E la scoperta è stata folgorante! Perché la canapa edibile, che ha un contenuto di THC minimo e riconosciuto dalla legge, è un alimento così ricco e completo che è in grado di fornire tante delle sostanze nutritive di cui il corpo ha bisogno ogni giorno e ha il potere di proteggere e aumentare le difese immunitarie dell’organismo umano. Da qui il pensiero è corso immediatamente ai bambini e alla loro salute. E sta così prendendo corpo l’idea di provare ad avviare un nuovo progetto nel solco agricoltura-alimentazione-sviluppo-salute, tracciato da tempo dall’Associazione Amici dei bambini e delle mamme di Makoua, in Congo. L’intuizione progettuale è agli albori e l’iter di attuazione si prospetta senz’altro lungo e complesso. Tuttavia, se i piedi rimangono ben piantati per terra, il coraggio e i sogni sono talmente liberi che hanno cominciato a prendere il volo. E l’esperienza insegna che, qualche volta, anche i sogni possono diventare realtà!